Skip to main content
Bottega San Lazzaro

Natale in Fiera 2015

Senza-titolo-1pieghevole-A   Senza-titolo-1pieghevole-B-14

Alle porte, Natale in Fiera edizione 2015! Dal 1 dicembre 2015 al 7 gennaio 2016.

Anche quest’anno ritornano i Mercatini di Natale, che come sempre accompagnano il meraviglioso Presepe di Carotenuto.

La magia del Natale a Salerno è firmata – da quasi quarant’anni – da Bottega San Lazzaro, l’Associazione nata all’ombra della cattedrale con la mission di valorizzare un centro storico all’epoca degradato. Ideatore e anima Peppe Natella, suo capitano Salvatore Acconciagioco e poi la truppa creativa dei “ragazzi di don Giovanni”, quei giovani orgogliosi della propria identità di salernitani cresciuti nella fede delle idee da monsignor Toriello, parroco negli anni Ottanta di San Matteo. Il primo gesto d’amore e di speranza fu il presepe dipinto di Mario Carotenuto, anticonvenzionale celebrazione popolare allestito nella trecentesca sala San Lazzaro del Duomo di Salerno. Inaugurato la sera del 16 dicembre 1982 dall’arcivescovo Gaetano Pollio, era costituito inizialmente dalla scena della Grotta, dalla Natività e dall’Annuncio ai pastori dormienti, inserita tra le due absidi. Oggi si contano 120 sagome, personaggi reali, riconoscibili, amici del pittore, il popolo della città vecchia, figure di spicco tra cui Alfonso e Filiberto Menna, il sindaco e il figlio critico d’arte ed il poeta Alfonso Gatto. Fu la prima luce, un Natale di un quartiere che si risveglia. E da questo spazio di devozione ed arte, visitabile tutti i giorni (ore 10-13 / 16-21) nacque la kermesse “Natale in Fiera” tra saperi e sapori con la felice intuizione dei mercatini della tradizione, in assoluto i primi in Campania. Le casette di legno tornano anche quest’anno: una vetrina unica di artigianato gastronomia e tipicità dislocata nelle quinte di via Masuccio Salernitano, Largo Dogana Regia, piazza Sant’Agostino, Tempio di Pomona, piazza Alfano I, Largo San Petrillo, Largo Campo, Piazza Abate Conforti. Un’occasione per scoprire anche la struttura urbanistica, i palazzi, i conventi e le chiese della Salerno longobarda e normanna fino ad arrivare alle emozioni paesaggistiche del Giardino della Minerva, aperto tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 9 alle 13.

Lungo la via dei presepi (merita uno sguardo il presepe di Sant’Agostino) con la Salerno in miniatura inserito come una gemma nella cappella Sant’Antonio dei Nobili di via Duomo, incontreremo esposizioni come la Mostra d’arte presepiale al Tempio di Pomona (10-13 / 16-21) e quella di arte ceramica, a cura di Ceramicatelier San Lazzaro. La passeggiata sarà allietata da spettacoli ed animazioni con mangiafuoco, trampolieri, zampognari, figuranti in maschera, performance a tema natalizio e gospel. Nella scenografia a cielo aperto di Natella la chiesa di Sant’Apollonia (via San Benedetto) occupa un posto privilegiato. Qui fino all’Epifania ci sarà una serie di appuntamenti nel segno della cultura, dell’impegno e della solidarietà. Start il 9 dicembre, ore 19.30 con la presentazione del libro d’arte “Pinocchio c’è. Un lungo lavoro di Antonio Petti. L’immagine di Pinocchio” firmato dal fotografo-artista Enrico Salzano. Il 13 dicembre, ore 20.00, l’ensemble di musica antica Rosa Aulentissima regalerà l’anteprima dello spettacolo “Tempus est iocundum. Donne, cavalieri e amori profani tra il XIII ed il XVII secolo”, a cura di Marilina De Caro e Matteo Autuori con la partecipazione di Gabriele Rosco; direzione musicale di Rocco Celentano, elementi scenici di Pietro Loffredo. Il tema amoroso è protagonista anche l’indomani con la mostra curata da Blur “Donne in amore”. Cinque donne e le loro passioni: i gioielli di Alelab (Alessandra Alfani), le ceramiche di Isa Mainenti, le giostre d’argilla di Laura Napoletano, gli accessori e le pelletterie di Artigiane 70 (fino al 20 dicembre).

Eccoci al momento più partecipativo, in primo piano i valori con gli “auspici” per il nuovo anno di intellettuali, poeti, scrittori, musicisti, attori, registi, artisti. “Lettera per…” è il titolo della mostra-invito alla r(iesistenza) di Silvio D’Antonio (28 dicembre-8 gennaio, a cura di Erminia Pellecchia): un’installazione di buste da lettera, un unico oggetto moltiplicato in vari colori, materiali e dimensioni, carico di simbologie ed evocazioni. E “Lettera per..” è l’azione corale che vede, sulla spinta della cultura intesa come impegno civile della Fondazione Gatto e del Movimento Centomila Poeti per il cambiamento, il coro di voci, sola coscienza, che animerà l’opening, ore 19, del 28 dicembre: ognuno proverà a leggere quella lettera sigillata e mai spedita, come augurio di rinascita per questa società di un presente che precipita sempre di più nel baratro.

Vi aspettiamo per godere dell’atmosfera calda e accogliente delle numerose casette, ricche di prodotti e artigianato di qualità.

Scarica gli allegati e non perderti questa nuova splendida edizione di Natale in Fiera. Salerno a Natale diventa bellissima, coinvolgente, colorata, accogliente. La città apre le porte a tutti per un pomeriggio di festa, una sera in compagnia, un momento ricco di luce e atmosfera natalizia tra i mercatini, gli addobbi e i momenti di festa.

Una passeggiata in centro, tra le luci, i vicoli del centro storico a festa, il Duomo illuminato, il Presepe dipinto di Mario Carotenuto… E’ aria di Natale a Salerno!

Scarica il programma Natale in Fiera 2015 con tutti gli appuntamenti nelle piazze del centro storico.

 

pieghevole-presepe-avanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.